Sabato, 07 Dic 2019
Siete in: Home Accettazione Mediazione
PDF Stampa E-mail

Accettazione invito di Mediazione

L’accettazione compilata e controfirmata dovrà pervenire alla segreteria prima della data fissata per l’incontro corredata:

  1. dei documenti d’ identità della parte  invitata e di quello dell'Avvocato che lo assiste;
  2. del versamento  delle spese di avvio.

Nella decisione di partecipare o meno è importante tener conto che:

La procedura prevede un primo incontro di mediazione nel quale:

Il Mediatore  chiarisce alle parti ed ai loro avvocati la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione e verifica, insieme alle parti, la possibilità di iniziare la mediazione. In caso affermativo, seguirà, seduta stante il secondo incontro di mediazione, previa  regolarizzazione amministrativa.

(art. 8 comma 1 d.lgs 28/2010).

 

Una volta avviata l'attività di mediazione, con l'inizio del secondo incontro, si è sempre liberi di non accordarsi.

Il mediatore conduce gli incontro senza formalità di procedura, sentendo le parti congiuntamente e/o separatamente. Il Mediatore in ipotesi di esito negativo o se richiesto dalle parti può formulare una "proposta di mediazione".

La procedura si conclude con un verbale di:

1) di mancata mediazione:

  • per la verificata impossibilità - se la procedura si chiude al primo incontro in seguito alla verifica negativa, da parte del Mediatore e delle parti della possibilità  tecnica di iniziare l'attività di  Mediazione.
  • per assenza della parte invitata - se la parte invitata non si presenta al primo incontro. In questo caso il giudice condannerà la parte costituita che, non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo, al versamento  di una somma pari al contributo unificato dovuto per giudizio (contributo parametrato al valore dellacontroversia) ed inoltre potrà desumere argomenti di prova per la decisione del giudizio.

2) di conciliazione quando le parti trovano un accordo; in questo caso il il verbale che contiene, o a cui è allegato il testo dell'accordo, è titolo esecutivo per l'espropriazione forzata, per l'esecuzione in forma specifica e per l'iscrizione di ipoteca giudiziale (art. 12) se controfirmato dagli avvocati che assistono le parti.

3) di fallita conciliazione quando, a seguito della procedura, l’accordo non è raggiunto.

Il costo sostenuto per la procedura sarà rimborsato, sottoforma di  credito d’imposta,  con un massimo di € 500/00 se si raggiungerà l’accordo e della metà nel caso contrario.